La prima guerra mondiale

       data di oggi:
Storia - Classe 3a della scuola media, secondaria di  2° grado

La prima guerra mondiale è detta anche la grande guerra; essa inizia il 28 luglio del 1914 e termina il giorno 11 novembre del 1918; vede coinvolte molte nazioni, per cui è detta anche guerra mondiale. La situazione politica era la seguente.

Negli Stati Uniti d'America il Presidente era Tommaso Wilson, appartenente al partito democratico. In Inghilterra il re era Giorgio 5°.

In Francia il Presidente della Repubblica era Raimondo Poincaré e Presidente del Consiglio Renato Viviani.

In Germania l'imperatore era Guglielmo 2°.

In Russia l'imperatore, detto zar, era Nicola 2° e primo ministro era Ivan Goremykin.

In Italia il re era Vittorio Emanuele 3° di Savoia e il Presidente del Consiglio era Giovanni Giolitti.

Europa nel 1914

 

L'Italia non era una nazione indipendente, in quanto era sottomessa alla Francia, essendo re un Savoia; ma il re non aveva il pieno potere e i vari presidenti del consiglio si destreggiavano spostandosi da una parte all'altra dei vari contendenti in guerra.

L'inizio della guerra viene posto il 28 giugno 1914 con la dichiarazione di guerra dell'Austria contro la Serbia e termina il giorno 11 novembre 1918 a Compiègne, in Francia, con la firma dell'armistizio cioè deposizione delle armi e termine ufficiale della guerra.

In realtà gli Stati Uniti d'America stavano e stanno perennemente in guerra sull'intero globo, per cui la prima guerra mondiale è da intendersi come il periodo bellico del primo novecento in cui gli Stati Uniti di America si sono dedicati alla rovina dell'Europa, in quanto ritenuta un disturbo di interessi strategici americani.

Da una parte dei guerreggianti abbiamo gli stati centrali della unione europea, costituiti da Germania, Austria, Ungheria. All'interno di questi stati il popolo non è stato compatto, in quanto la propaganda angloamericana mantiene la sua forza finanziando gli oppositori del regime. Questo mancato orgoglio europeo è una delle cause della mancata unione europea, tentata invano dai Francesi con Napoleone, dai tedeschi con Guglielmo 2° in questa prima guerra mondiale e poi da Hitler nella seconda guerra mondiale.

Dall'altra parte dei guerreggianti, cioè dalla parte degli angloamericani, abbiano inizialmente Francia e Gran Bretagna e Russia; la Russia ha interessi strategici che non coincidono se non in parte con l'unione Europea. Il successo degli angloamericani è dovuto sia a queste divisioni interne europee, create e finanziate dal popolo americano, sia alle valide strategie di guerra degli Stati Uniti di America.

Decisivi per la fine delle operazioni belliche furono nel 1917 gli sbarchi di truppe americane in Francia. Dopo l'approvazione della prima guerra mondiale da parte del congresso americano il 4 aprile del 1917, gli Stati Uniti dichiararono ufficialmente l'inizio della guerra contro la Germania il 6 aprile del 1917 ed iniziano a trasportare in Francia più di tre milioni di soldati. La decisione fu dovuta anche dal fatto che negli stessi giorni veniva decisa l'uscita dalla guerra della Russia. Il 3 aprile 1917, infatti, Lenin lascia la Svizzera in un treno blindato e raggiunge la Russia per ottenere la pace con la Germania e far terminare la guerra voluta dagli americani. I sottomarini tedeschi non consentivano più il rifornimento di armi americane e di dollari americani alla Russia. Per cui la Russia decise di uscire dalla guerra. Lenin prende il potere il 25 ottobre 1917 ed inizia le trattative di pace con i tedeschi. La pace con i tedeschi viene firmata il 3 marzo 1918 a Brest Litovsk, in Bielorussia.

Il 23 febbraio 1918 iniziarono le prime azioni di guerra delle truppe americane e francesi contro i soldati tedeschi. Di fronte alle imponenti forze americane anche i tedeschi dovettero arretrare sul fronte francese e chiedere la pace a partire dal giorno 11 novembre 1918.

 

Il primo dopo guerra

Il primo dopo guerra sono gli anni successivi alla fine della prima guerra mondiale, cioè dal 1918 al 1939, anno di inizio della seconda guerra mondiale; furono anni di pace e di ricostruzione. In Italia il re era rimasto Vittorio Emanuele 3° di Savoia, sempre sottomesso agli angloamericani; presidente del consiglio era Vittorio Emanuele Orlando, anche lui filoamericano.

Per comprendere il nostro dopoguerra, sia italiano sia europeo, occorre dapprima studiare gli eventi americani, cioè quanto avveniva e si decideva negli Stati Uniti di America.

Il giorno 8 gennaio 1918 il Presidente degli Stati Uniti, Tommaso Wilson, tenne il discorso dei 14 punti al Senato americano; egli illustrava al Senato le direttive ufficiali da tenere per la situazione internazionale nella quale si trovava il mondo intero a partire dal 1918, cioè alla fine della prima guerra mondiale. Era la linea ufficiale che il parlamento americano doveva seguire nelle successive leggi americane in modo da tenere conto della nuova situazione europea. I 14 punti riguardavano le diverse nazioni europee sia in modo generale che in modo particolare; cioè definiva confini e governi di: Russia, Belgio, Francia, Italia, Austria, Germania, Polonia, Ungheria, Romania, Serbia, Montenegro, Grecia, Turchia. Venivano decise le nazioni in cui dovevano rimanere i soldati americani; i rispettivi eserciti di ogni nazione venivano relegati solo a scopo di difesa interna, con eliminazione obbligatoria degli armamenti a scopo di offesa e di difesa al di fuori dei propri confini nazionali.

trasmettitore radio

Per quanto riguarda i vari governi politici delle singole nazioni, mentre per il governo degli Stati Uniti si preferiva accentrare il governo sul presidente, il quale ovviamente veniva bilanciato dal congresso, dai partiti politici americani, dalle varie lobby, per i governi nazionali, invece,  delle nazioni europee si preferiva lasciare le varie lobby in contrasto tra di loro, cioè si applicava il vecchio detto romano "divide et impera", non nel senso non solo di suddividere le nazioni in modo da governarle meglio, ma nel senso di lasciare le varie lobby interne delle singole nazioni in contrasto tra di loro, in modo da poter governare meglio le singole nazioni.

Politica internazionale americana ancora mantenuta in Italia e in Europa nei nostri anni. Vengono rafforzate in questi anni le banche americane; esse finanziano politicamente sia interessi nazionali che interessi internazionali, ritenuti vitali per gli Stati Uniti. Vengono riorganizzati i servizi segreti di spionaggio nazionale ed internazionale. Vengono riorganizzati i metodi per influenzare la pubblica opinione, sia interna agli Stati Uniti, sia estera, cioè la pubblica opinione delle varie nazioni sotto l'egida americana. Gli americani continuano le loro operazioni belliche in Russia ed in altre nazioni. Il 28 giugno del 1919 viene istituita la Società delle Nazioni, che in seguito verrà trasformata in ONU ( ONU = Organizzazione Nazioni Unite ). Lo scopo è quello di creare un luogo di discussione per le nazioni diverse dagli Stati Uniti, in modo da poter meglio dominare il mondo, evitando espansioni di nazioni ostili agli Stati Uniti di America.

Gli anni dal 1919 fino al 1929, cioè fino alla elezione di Herbert Hoover a Presidente degli Stati Uniti, il 4 marzo del 1929, furono anni di espansione economica, industriale e tecnica sia per gli Stati Uniti sia per l'Europa.

ricevitore radio

Negli Stati Uniti vengono ridotte le tasse, che prima erano aumentate per finanziare la guerra in Europa; fino al 1920 l'automobile era un lusso; venivano prodotte circa 300.000 in un anno, mentre nel 1929 si arriva a circa 2.000.000 di auto in un anno; l'industria automobilistica fa da traino per lo sviluppo dell'acciaio, di autostrade, di hotel per automobilisti, di concessionarie di automobili, con relativo sviluppo edilizio. Le trasmissioni radio si diffondono e con esse anche la pubblicità radiofonica; nel 1929 si ha la registrazione audio con i primi dischi messi in commercio. Il cinema si espande con nuovi film a colori e nuove sale cinematografiche; a fine decennio i film diventano anche sonori. Si diffondono anche i film con cartoni animati.

La televisione, invece, è in ritardo rispetto alla Germania. L'industria navale si espandeva e cominciava la costruzione dei primi aerei commerciali. Lo stato finanziava la costruzione di autostrade; i cittadini diventano più ricchi e avevano enormi capacità di spesa.

La rete di distribuzione dell'energia elettrica ebbe una notevole espansione, in quanto le macchine a carbone venivano sostituite con i motori elettrici. Le linee telefoniche si diffondevano in tutti gli stati, finanziate a livello di Stati locali; così anche si diffondevano impianti idraulici e di fognatura urbana. L'urbanizzazione delle città aumenta, con numerosi cittadini ed elevati grattacieli. Macchine da scrivere, classificatori e telefoni portavano le donne a lavorare negli uffici. Gruppi finanziari ed assicurativi si espandevano. L'agricoltura non riceveva sussidi dallo stato ma si espandeva ugualmente. La cultura afro-americana produce numerosi testi letterari; la musica e la danza si diffonde dappertutto; tra le giovani donne si diffonde la moda, le riviste di moda, le acconciature femminili si diffondono al pari dei cosmetici. La donna acquisiva il diritto di votare e si avevano le prime donne in carriera. I giochi olimpici vengono favoriti sia come sostituti della guerra sia come pubblicità per atleti americani. La propaganda politica si avvaleva dei nuovi mezzi di comunicazione di massa. Gli industriali del tempo finanziavano gli uomini politici. Inaugurazioni e discorsi venivano fatti dai politici per mezzo della radio.

Questo sviluppo fu consentito grazie al crollo del sindacato americano. La prosperità economica e sociale divenne un mito e tutti credevano che il progresso economico e sociale sarebbe continuato all'infinito, tutti tranne uno: Herbert Hoover, ma era proprio il Presidente degli Stati Uniti, il giorno 29 ottobre 1929, ricordato come il "martedì nero", giorno del crollo finanziario negli Stati Uniti.

2015

 

prof. Pietro De Paolis

 

Esercizio di questa lezione

 

Storia per scuola media

  

Lezioni storia terza media

Lezioni storia classe terza

Esercizi storia classe terza

Lezioni classe terza

Esercizi classe terza

Aula classe terza

 

Indice Scuola Elettrica - ridotto a 70


Scuola Elettrica



 

Altre applicazioni


Mappa per tipo di scuola

 

Indice di tutte le pagine del sito


Guida per navigare


Richiesta informazioni


Scuola Elettrica