Il popolo della libertà ( PDL )

Un tempo esisteva il popolo della libertà, fondato nel marzo 2009, sulle ceneri di Forza Italia e Alleanza nazionale; unico esponente era Berlusconi; percentuale di consensi circa 22 %.

Poi ci sono state varie separazioni e successive riunioni, che dimostrano le lotte interne tra i vari componenti della coalizione. Nelle elezioni del 2018 ha ottenuto un enorme successo al nord, cioè tra gli oppressori del Sud, come la Lombardia che ha raggiunto percentuali del 52,32%; mentre a livello nazionale la coalizione ha raggiunto una media del 37,00 %.

Non possiamo seguire ogni giorno il cambiamento di nome, per ora continuiamo a chiamarlo nello stesso modo, cioè quelli che seguono Silvio Berlusconi, tra cui anche Matteo Salvini.

Le basi ideologiche del partito sono il comunismo e il cattocomunismo, cioè la parte comunista del cristianesimo, in quanto il cristianesimo racchiude le due ideologie più note, cioè il liberismo e il comunismo.

Fondamentale di questo partito è la ipocrisia insita nelle parole; cioè prendere un significato storico di una parola, ripeterla più volte con significato opposto, in modo da creare un significato prevalente, opposto a quello originario, cioè appunto: "ipocrisia".

Quindi il popolo della libertà non è "comunista" ma anticomunista o meglio "della libertà" ( di uno solo, il capo ); una caratteristica dei comunisti italiani è appunto questa: dire di non esserlo; si preferisce il termine "libertà" o il termine "europeo"; infatti nel nome del partito compare la parola: "libertà".

Il popolo della libertà, a furia di ripetere numerose volte questo termine, ha svilito il significato originario di questo termine, per cui ora la parola "libertà" non significa nulla, se non appunto il solo PDL, cioè il  Partito della Libertà.

Il popolo della libertà rappresenta una evoluzione storica della ipocrisia inclusa nel cristianesimo, nel senso che per il partito dire una cosa e farne esattamente l'opposto è alla base del libero pensiero. ( illusione eterna ed ipocrisia uguale a quella del cristianesimo).

Il termine "cattocomunismo" racchiude bene la ideologia del popolo della libertà.

Riportiamo un  brano della  Carta dei Valori

Il "Popolo della Libertà" è nato dalla libertà, nella libertà e per la libertà, perché l’Italia sia sempre più moderna, libera, giusta, prospera, autenticamente solidale.

 Noi, Popolo della Libertà, donne ed uomini d’Italia, siamo orgogliosi di essere cittadini di uno dei Paesi più avanzati del mondo. Siamo orgogliosi di appartenere ad una civiltà millenaria, una civiltà che ha dato all’umanità conquiste tra le più importanti.

Per questo vogliamo che l’Italia progredisca nel solco della sua tradizione, sempre più europea ed occidentale.

Le radici giudaico-cristiane dell’Europa e la sua comune eredità culturale classica ed umanistica, insieme con la parte migliore dell’illuminismo, sono le fondamenta della nostra visione della società.

I valori nei quali ci riconosciamo sono in specie quelli condivisi dalla grande famiglia politica del Partito Popolare Europeo: la dignità della persona, la libertà e la responsabilità, l’eguaglianza, la giustizia, la legalità, la solidarietà e la sussidiarietà.

 

Temi ricorrenti

la persona

Il partito tutela a parole la libertà della singola persona, ma con una serie di leggi e vessazioni ne impedisce di fatto l'esercizio alla maggioranza, tranne i pochi eletti.

l'ambiente

Il partito tutela l'ambiente e la globalizzazione; l'imprenditore è libero di andare all'estero; sarà compito degli alleati PD e M5S, distruggere l'industria nazionale, ma non del popolo della libertà. ( Marciare divisi per colpire uniti!)

poveri e deboli

Il partito tutela la durata della povertà, il cui protrarsi nel tempo rende il ricco più soddisfatto delle sue libertà personali.

parità uomo donna

Il partito tutela la parità dell'uomo alla donna, in modo che il maschio diventi sottomesso allo stato, al pari di una donna.

famiglia

Il partito addossa alla famiglia gli insuccessi del partito in campo sociale; tocca alla famiglia e non allo stato soccorrere i più poveri ed i più deboli.

Salute

Il povero si curi liberamente insieme alla sua famiglia; lo stato protegge la biomedicina e la clonazione umana, conformemente ai principi della ipocrisia del cristianesimo.

Politica internazionale

Il partito favorisce le campagne di guerra internazionale; infatti è con la guerra estesa nei territori altrui che si garantisce la pace.

Immigrazione

Lo stato deve tenere distinto l'immigrato dall'italiano, in modo che esso ( l'immigrato) abbia i privilegi liberali che spettano allo straniero, che può invadere liberamente, per terra e per mare, il suolo italico, difeso inutilmente dai nostri padri, con il sangue, nei secoli passati.

Politica ed economia

2013 Indice Scuola Elettrica - generico


Scuola Elettrica



 

Altre applicazioni


Mappa per tipo di scuola

 

Indice di tutte le pagine del sito


Guida per navigare


Richiesta informazioni


Scuola Elettrica